skip to content

Consorzio Amici Della Musica Università del Sannio

 

Vincenzo Maltempo

Vincenzo Maltempo in:

Geometria della Passione

Il concerto prevede un programma da grande virtuoso della tastiera, sotto il titolo di “Geometria della Passione”, con due Titani del Pianoforte Romantico: Fryderyk Chopin, il poeta del pianoforte e Franz Liszt, l’inventore del recital, con una kermesse di brani di alto spessore musicale. Non poteva mancare la Rapsodia Ungherese n. 2 di Franz Liszt, con le note della celebre Friska su cui danza Jerry sulle note di Tom in “The Cat Concerto”, vincitore del Premio Oscar qual miglior cortometraggio d’animazione dell’anno 1946. Il programma da concerto, in ordine di esecuzione: di Franz Liszt (1811-1886) Rapsodia Ungherese n. 14, S.244, Rapsodia n. 2, S.244 (con una cadenza di V. Maltempo), Soirées de Vienne n. 7, S.427 (d’après F. Schubert); di Fryderyk Chopin (1810-1849) Fantasia Op. 49, Berceuse Op. 57; di Franz Liszt Totentanz S.126.


Il pianismo di Vincenzo Maltempo, frutto del suo innato talento e della fondamentale guida del grande didatta beneventano Salvatore Orlando, a sua volta allievo del celebre pianista Sergio Fiorentino, vanta una formazione di prim’ordine che gli ha permesso di diplomarsi a pieni voti al Conservatorio “S. Cecilia” di Roma, ampliata ed arricchita dai preziosi insegnamenti presso la prestigiosa Accademia “Incontri col Maestro” di Imola, sotto la superba guida di Riccardo Risaliti, altro grande didatta di chiara fama del panorama concertistico internazionale. Vincitore di importanti concorsi pianistici internazionali, ha suonato per importanti associazioni e festival in giro per il mondo, (MiTo, “Due mondi” di Spoleto, “Sagra musicale malatestiana”, Teatro La Fenice di Venezia, Lirico di Cagliari ecc), in molti Paesi europei, in America, Messico, Asia ecc. Viene invitato nelle giurie di Concorsi pianistici Nazionali ed Internazionali e per masterclass pianistiche presso importanti istituzioni. Ha collaborato con importanti nomi del panorama concertistico internazionale (tra cui Francesco Libetta, Alexander Lonquich, ecc.) e suonato con importanti orchestre, tra cui la beneventana OFB, Orchestra Filarmonica di Benevento, con cui ha debuttato per la prima volta a Benevento. Ha inciso per prestigiose etichette discografiche. I suoi dischi ricevono le ambite “5 stelle” su riviste quali Diapason, The Guardian, Gramophone, PianoNews, Classic Voice, ecc. Grazie alla sua attività di riscoperta e di diffusione della musica del compositore Charles Valentin Alkan, ingiustamente dimenticato, Vincenzo Maltempo viene nominato Membro Onorario della “Alkan Society” di Londra ed è considerato  nel mondo, fra i pochi grandi interpreti e conoscitori della musica di Alkan.


Rassegna stampa

Teatri e culture

Il Sannio

Allegati: