skip to content

Consorzio Amici Della Musica Università del Sannio

 

Gian Luigi Zampieri

La Sinfonia “Jupiter” Mozart costruttore tra il Giusto e il Perfetto

Una disamina storico‐formal‐stilistica dell’ultima sinfonia di Mozart con chiari riferimenti pitagorici, geometrici, massonici.

Gian Luigi Zampieri

Giovedì 20 Aprile 2017, h:18:30 - Università del Sannio, Sala Conferenze DEMM, Piazza Arechi II, Benevento

 

Gian Luigi Zampieri, nato nel 1965 a Roma, prestigioso rap‐ presentante della scuola italiana dei direttori d’orchestra, è stato uno degli ultimi discepoli del Maestro Franco Ferrara. Ha studiato presso l’Accademia di Santa Cecilia e poi presso l’Accademia Chigiana, ottenendo nel 1988 il Diploma d’Onore.

Come organista e direttore d’orchestra, si è perfezionato con musicisti del calibro di Francesco De Masi, Carlo Maria Giulini, Gennady Rojdestvenski e Leonard Bernstein. A 15 anni

divenne organista presso la Basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma, dove ha lavorato per 20 anni. Nel 1997 ha vinto il Concorso Internazionale “A. Pedrotti“, il primo vincitore italiano del concorso come direttore d’orchestra.

La carriera di Gian Luigi Zampieri prende inizio fin dalla gioventù. Ha diretto orchestre prestigiose in Romania (Filarmonica di Bucarest e Craiova, Radio Chamber Orchestra) e all’estero: Orquestra Sinfonica di Ribeirão Preto – São Paulo, Brasile, Orquestra Sinfonica fare Theatro da Paz – Pará, Brasile, Orquestra Sinfonica de Porto Alegre – Rio Grande do Sul, Brasile; Orquestra Sinfonica Jovem di Goiás, in Brasile, Haifa Symphony Orchestra – Israel Philharmonic Orchestra a Cracovia, Polonia; Orquesta de Euskadi – Paesi Baschi; Orchestra Università di Città del Messico, Mosca Radio Symphony Orchestra, il Teatro San Carlo di Napoli, Padova Orchestra, Orchestra Sinfonica Siciliana, l’Orchestra Internazionale d’Italia, l’Orches‐ tra di Roma e del Lazio, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra Sin‐ fonica di Sanremo, ho Filarmonico di Verona; Roma Sinfonietta, Opera di Tirana – Albania Orchestra “Haydn” di Bolzano, Verona, l’Opera di Roma, Orchestra “J‐Futura” di Trento.

A Londra ha lavorato come assistente di Gennady Rojdestvenski presso la London Symphony e la BBC, così come presso i corsi dell’Accademia Chigiana. E’ stato anche assistente di Lorin Maazel per Verdi Requiem con l’Orchestra Sinfonica Toscanini di Parma. Ha collaborato con numerosi solisti di fama tra Alexandru Tomescu, Răzvan Suma, Florin Ionescu‐Galati, Philip Pope, Vlad Dimulescu, Oxana Corjos, Adrian Petrescu Stan

Zanfirescu, Mariana Sirbu, Arnaldo De Felice, Peter Soave, Francesco Manara, Francesco Pepicelli Enrico Dindo, Ricardo Gallo, Nello Salza, Peter Sadlo, Shirley Verrett.

Per diversi anni è stato responsabile del ripristino del valore del repertorio sinfonico italiano del XX secolo (Fano, Respighi, Pizzetti, Malipiero, Rota, Ghedini, Ferrara). Dalla metà degli anni ‘80 si è dedicato alla presentazione dell’opera di Astor Piazzolla ed è considerato dalla critica come uno dei maggiori esperti internazionali del compositore: ha realizzato trascrizioni e orches‐ trazioni eseguite in tutto il mondo (Vladimir Spivakov, Lalo Schifrin, Jorge Calandrelli, Ettore Stratta, etc.).

E’ stato invitato dal Festival Musica in Aulide da Bolzano a condurre un con‐ certo ufficiale per commemorare il decimo anniversario della morte di Arturo Benedetti Michelangeli (2005).
Ha organizzato e condotto trasmissioni a Radio Vaticana. I suoi concerti sono registrati e trasmessi da emittenti radiofoniche internazionali, quali la RAI, Radio Vaticana, TV spagnola, Radio Russia,.

Entrato giovanissimo nel cinema, ha curati l’edizione italiana del film di Miloš Forman, Amadeus (1985). Dal 1986 è professore di studi orchestrali nei Conservatori italiani. È il creatore del sito web dedicato al suo maestro, il direttore d’orchestra Franco Ferrara.

Rassegna stampa

Da Il Mattino 20/4/2017

Da Il Mattino 20/4/2017

Allegati: